Il Sestante – Bollettino n° 76

Nessun Commento »

La Riforma Costituzionale Renzi e il perché di un “No” in sede di Referendum
Questo numero de Il Sestante viene dedicato agli indirizzi che il CESI ha assunto nei confronti della Riforma Costituzionale disegnata e imposta dal Governo Renzi al Parlamento in sede di legislatura corrente e quindi al di fuori di un percorso costituente che faccia esprimere direttamente il popolo italiano.
Le singole parti di questa Riforma non solo modificano la Carta Costituzionale in vigore dal 1948, ma ne alterano radicalmente il contenuto rappresentativo e funzionale. Non c’è dubbio che la Costituzione vigente abbia bisogno di essere radicalmente trasformata, ma ciò non può avvenire a seguito di compromessi tra partiti screditati e gruppi di potere irresponsabili in un Parlamento profondamente in crisi d’identità e affetto da continui “cambi di casacca” di molti dei suoi componenti.
Per la comprensione di ciò che in materia costituirà l’elemento preminente dell’attività politica in Italia durante il 2016, premettiamo all’analisi effettuata dal Presidente del Comitato Scientifico del CESI, prof. Franco Tamassia, una breve sintesi dei contenuti e dei procedimenti che il Governo Renzi ha imposto al Parlamento e che sfoceranno in un Referendum popolare.
Il testo del prof. Tamassia è già proiettato nell’esame referendario e in particolare nel significato politico che esso viene ad assumere per il futuro del nostro Paese. Naturalmente il CESI seguirà con attenzione l’evoluzione sia dell’azione governativa sia delle iniziative critiche in corso nel Paese per offrire a quanti hanno responsabilità politica elementi validi di giudizio e argomenti con i quali assumere iniziative.

INDICE

– Si è chiusa la prima fase dell’iter parlamentare.
Procedure e contenuti della Riforma Costituzionale proposta dal Governo Renzi.
Sintesi a cura di Gaetano Rasi

– I perché di un referendum.
Argomenti per un dibattito chiarificatore di Franco Tamassia
Sommario: 1. Una riforma autoritaria che impedisce il ricambio della classe politica. 2. La natura equivoca dei comitati referendari: nella sostanza sono tutti per il “Sì” al sistema. 3. Gli scopi e le richieste del Comitato per il No. 4. Pretesa incostituzionalità del Comitato governativo. 5. La Corte costituzionale asimmetrica. 6. La inadeguatezza tecnica della riforma renziana. 7. Ricerca di unità nell’area … di maggioranza. 8. Il Cesi e il Referendum.

Clicca qui per scaricare il bollettino completo

Share

Lascia un commento