Il Sestante – Bollettino n° 65

Nessun Commento »

Le migrazioni sono l’effetto e non la causa delle problematiche geopolitiche attuali
Questo numero monografico è dedicato all’analisi e alle problematiche che determinano il fenomeno migratorio. La trattazione è affrontata da uno dei maggiori competenti italiani in politica estera, il consigliere CESI Giulio Terzi di Sant’Agata che ha tra l’altro una diretta esperienza come Ambasciatore italiano negli USA e in altre importanti nazioni, nonché come già Ministro degli Esteri.
Per Giulio Terzi la questione dei “rifugiati” e degli “immigrati” non può essere inquadrata soltanto nell’affrontare la situazione dal lato dell’arrivo in Italia (e in generale in Europa) di masse umane bisognose di aiuto, il che è giusto dare ove sia effettivamente necessario. Quello che bisogna invece impostare decisamente e rapidamente è una politica che faccia riferimento alle cause e con ciò anzitutto aver piena consapevolezza della reale situazione geopolitica mediorientale, degli interessi in gioco di potenze continentali extraeuropee come gli USA e la Russia, della superficialità conoscitiva e della tardiva operatività della UE e non ultimo delle deficienze strutturali della classe dirigente che governa l’Italia. (g.r.)

Giulio Terzi di Sant’Agata
È necessario conoscere i dati della realtà migratoria.
L’Unione Europea e l’Italia sono inadeguate ad affrontare la grave, drammatica problematica politico-militare del Medio Oriente e dell’Africa.

SOMMARIO: 1° La colpevole carenza dei finanziamenti da parte della UE; 2° Dalla tragedia siriana la crisi Medio Orientale e Nord Africana; 3° La politica di Mosca: intenti ed effetti; 4° Fare chiarezza sui concetti di immigrazione e di integrazione; 5° L’irresponsabile comportamento di determinati organi burocratici italiani; 6° Valutare realisticamente l’abuso del “diritto d’asilo”; 7° Conclusioni: l’Italia deve darsi adeguate norme e passare ad efficienti operatività.
In allegato il fascicolo “La Biblioteca del CESI”

Clicca qui per scaricare il bollettino completo

Share

Lascia un commento